Università privata

Conviviamo con gli ossimori da così tanto tempo che non siamo più in grado di avvertirli. «Tutto a posto e niente in ordine», diceva quello. Appunto, a cominciare da ciò che si è sistemato nella nostra testa.

Abbiamo cominciato con "guerra umanitaria", ora abbiamo l'"austerità espansiva" e pure il "lavoro libero". L'offensiva del capitalismo si dispiega nella sussunzione reale del linguaggio e nella sua manipolazione a proprio piacimento. Il linguaggio è mio e lo gestisco io.

Tutto passa, senza inciampi. Figurarsi se qualcuno si accorge di "università privata". Mica è "ghiaccio bollente", non esibisce immediatamente l'accostamento di due termini confliggenti. Chissà se qualche reazione provocheranno "carcere privato" o "esercito privato". Di "polizie private" ce ne sono tante! Qual è il problema?

Il problema è lo Stato, o lo stato dei Padroni, se si preferisce. Ma con lo Stato delle Multinazionali, la perdita è secca, anche nei confronti del "comitato d'affari della borghesia". Già, perché la borghesia mandava i suoi figli nelle università nazionali, e le manteneva decenti, selezionando all'occorrenza qualche talento proveniente dalle classi subalterne. Ora, la borghesia delle multinazionali manda i figli a cercare l'eccellenza in giro per il mondo. La liberalizzazione dell'Università significa la sua appropriazione privata, per mettere le mani su ciò che ha ancora valore, e mandare il resto alla malora, in concorrenza con la LUMSA - Libera Università Maria Ss. Assunta - CEPU e le università telematiche.

Certamente, quindi, togliere valore legale al titolo di studio rappresenta il compimento del lungo processo di privatizzazione e di estromissione dello Stato. Il misfatto è compiuto.  Si è cominciato con il riconoscere l'autonomia finanziaria degli atenei, si è proseguito passando al 3+2, facilitando studi ed esami, inventandosi titoli di corsi all'americana (perversioni sessuali nelle formiche, o giù di lì),  facendo pagare tasse irrisorie, moltiplicando le sedi universitarie - raddoppiate in un decennio: da 45 a 83. Università come le provincie -, finendo con il confezionare lauree su misura e alla portata di tutti, con il plauso dei beoti sessantottini (ho sempre preferito il settantasette). Dimenticavo gli oltre cinquanta corsi di laurea in scienze della comunicazione sorti in pochi anni qua e là per il paese. Giocherellare con le parole e con le immagini, in tempo di crisi, è risultato imbarazzante.

A questo punto il gioco è fatto. Nessun ente o istituzione può certificare la comparabilità di lauree prese nei diversi atenei, e quindi la loro rispondenza a caratteristiche minimali. Nessuna garanzia per chi ha studiato, comunque non da parte dello Stato.

Lo disse uno, generalmente acuto: "il diritto è il riconoscimento del fatto". Appunto, se lavorano a una legislazione che toglie il riconoscimento legale del titolo di studio, vuol dire che tale titolo non ha più valore. Ormai.

Di chi le responsabilità, e come se ne uscirà? Parliamone. Una cosa è certa: l'Università è pubblica o non è.
cdb

1 commento

L'Università "pubblica" ma non "di massa", meritocratica, esisteva nei paesi socialisti. In Occidente il massimo che si è potuto fare è stato il '68, cioè l'Università di massa con scarsa coscienza del proprio servizio pubblico. Io la chiamerei Università individualistica di massa.
Ciò premesso, il problema è che l'avversario attacca l'Università di massa perché non la vuole pubblica (non perché la vuole meritocratica) e noi su quel terreno non lo seguiamo, finché siamo nel capitalismo.
In un sistema capitalistico la scolarizzazione sarebbe (sarebbe) l'unico modo per garantire la possibilità di mobilità sociale (il proletario "bravo", in linea di principio, può diventare un capitalista); adesso la borghesia non è più disponibile a cedere posti nella gerarchia sociale ai "bravi" in quanto tali: i suoi rampolli sono gli unici che devono avere il diritto di studiare (quindi privatizzazione), ma a loro è anche permesso restare ignoranti e vivere di arroganza e di violenza (quindi abolizione del valore legale).
Ultima riflessione: in Italia chi cerca lavoro presso privati non fa sfoggio, bensì censura e accorcia il proprio curriculum vitae. In uno studio di commercialista, per la stessa mansione tra il candidato laureato in Economia e Commercio e il candidato ragioniere il secondo parte molto avvantaggiato.
27/02/12 @ 21:11

Lascia un commento


Your email address will not be revealed on this site.

Il tuo URL sarà visualizzato.
PoorExcellent
(Le interruzioni di linea diventano <br />)
(Name, email & website)
(Allow users to contact you through a message form (your email will not be revealed.)
Free Blog Themes and Free Blog Templates