Scendiamo in piazza? Con chi?

Due generazioni di sgarrupati continuano ad infiammarsi per ogni sommossa e a voler marciare sulla testa dei re.
Nessuno ha detto loro che alla monarchia è stata tagliata la testa due secoli fa, e che quelle che permangono sono istituzioni folcloristiche tenute su dalle agenzie turistiche.
Che nel frattempo le borghesie nazionali si sono spese per il consolidarsi dei rapporti di produzione capitalistici, e che ultimamente nemmeno le consorterie nazionali stanno tanto bene a fronte dell'ottima salute della borghesia delle multinazionali.
Che le teste che stanno volando sono quelle dei pagliacci messi su e poi mantenuti ormai da svariati lustri per garantire la stabilità della regione e l'equilibrio nei prezzi del petrolio.
Che nel frattempo i pagliacci sono invecchiati, clan e clientele di riferimento si sono fatte sempre più voraci, mentre le rispettive società sono state pervase dalle reti comunicative, hanno prodotto popolazione giovane, desiderante e irrequieta.
Lo abbiamo scritto, è la tecnica dell'incendio preventivo, o dei due piccioni con una fava.
Se non c'è un soggetto sociale di riferimento, se non c'è quindi un progetto di società, in quale direzione si sta andando? Che cadano i pagliacci è cosa buona e giusta. Ma una preoccupazione dovrebbe sovvenire subito dopo la gioia. In quale direzione? In ogni caso, alla fine, rimarranno gli eserciti, gerarchie che hanno monitorato e diretto la piazza. Saranno loro a firmare i nuovi contratti.
Scendiamo in piazza? Con chi? Odradek

3 commenti

Commento from: Manuel [Visitatore]
Come diceva Marx, che su questo ci aveva preso, "il comunismo non è uno stato di cose che deve essere instaurato, ma un movimento reale che abolisce lo stato di cose presente." Tutto il resto può essere vero, ma i comunisti stanno dentro i movimenti che aboliscono lo stato presente, non alla finestra. Tutta l'enfasi sul "piano" e il progetto è più Togliatti che Gramsci. Io starei con Gramsci e Marx contro il Capitale e i suoi piani.
24/02/11 @ 01:56
Commento from: Donald [Visitatore]
Perché, scusate, in Grecia quale sarebbe il "progetto di società"?

25/02/11 @ 09:32
Commento from: admin [Membro] Email
*****
I commenti brevi e concettosi sono preferibili, ma se si articolassero sarbbero anche utili.
03/03/11 @ 20:46

Lascia un commento


Your email address will not be revealed on this site.

Il tuo URL sarà visualizzato.
PoorExcellent
(Le interruzioni di linea diventano <br />)
(Name, email & website)
(Allow users to contact you through a message form (your email will not be revealed.)
Free Blog Themes and Free Blog Templates