Il tappo tiene /3

Il 25 luglio del 1943 Mussolini viene deposto dal Gran Consiglio del fascismo - 19 voti contro 8 -, esautorato e arrestato. Era il Duce del fascismo. L'establishment aveva deciso: la guerra era persa, e bisognava fare qualcosa. Ci lavorarono un bel po' su, escogitando cavilli e mobilitando legulei per toglierlo di mezzo, portandosi appresso il Gotha del fascismo.
Fino a due anni fa, l'establishment (chiamiamolo così) permetteva che il Priapo impotente si presentasse alle assise di Confindustria per urlare: «Sono uno di voi», e che la platea, non di descamisados ma di cloni in blazer e cravatta Hermès, si abbandonasse a tifo da stadio, senza che nessuno eccepisse sull'evidente confliggere di interessi. Recependo però, nella loro invidiosa reverenza, che da quasi fallito era diventato l'uomo più ricco d'Italia. Un mito.
Ora che la crisi economica, senza una politica purchessia, si rivela come una guerra persa, lorsignori non sanno come sbarazzarsene. Che fanno? Mandano avanti le donne per dare la spallata. Vili e impreparati. cdb

No feedback yet

Lascia un commento


Your email address will not be revealed on this site.

Il tuo URL sarà visualizzato.
PoorExcellent
(Le interruzioni di linea diventano <br />)
(Name, email & website)
(Allow users to contact you through a message form (your email will not be revealed.)
Free Blog Themes and Free Blog Templates