Vendola? Un performer!

Vendola? Un performer! Ecco cos'è. E tale Christian Raimo in un articolo sul manifesto del 25 agosto - Questione di performance - ne traccia la filosofia, così riassunta nell'occhiello: "Cari compagni, performatevi. Inutile ribattere a Berlusconi, attore della politica, maestro del verosimile, con i fatti e la controinformazione. Il suo linguaggio si combatte a colpi di performance".

Nel demi monde di mediatori culturali, consulenti editoriali, tecnici dell'intrattenimento, cresciuti a pane e satira, e nel primato della doxa, un simile testo, che potrebbe sembrare un esercizio di satira, appunto, risulta invece un testo collettivo, condiviso, liberatorio.

Ma se non è un testo da cabaret, allora bisogna dire che è scritto male, povero, approssimativo fin dalle citazioni, di seconda mano.

E viene voglia di stare al gioco: tutti a performare! Tutti a riconoscere che sì, il medium è il messaggio. Insomma, tutti a guardare il dito, echisenefrega della luna.

Ma sì, performiamo, ma attenti a non affollarci intorno ai monumenti come tanti mimi dalla faccia impiastricciata; c'è il rischio di apparire come una corte dei miracoli. Ed essere trattati come tali, caricati sui furgoni e poi smistati, un po' alla neuro e un po' in questura.

O.

No feedback yet

Lascia un commento


Your email address will not be revealed on this site.

Il tuo URL sarà visualizzato.
PoorExcellent
(Le interruzioni di linea diventano <br />)
(Name, email & website)
(Allow users to contact you through a message form (your email will not be revealed.)
Free Blog Themes and Free Blog Templates