Siti e cariatidi


Valerio Evangelisti ha pubblicato su Carmillaonline - finalmente! - un testo intitolato I rosso-bruni: vesti nuove per una vecchia storia, in cui affronta il problema della dissimulazione di idee e personaggi con ogni evidenza fascisti sotto sembianze di sinistra. Gliene siamo grati, e restiamo ammirati, per l'impianto argomentativo e la retorica usata. Avrà - speriamo - un impatto notevole su un pubblico, quello dei blog e della sinistra che si vuole radicale. Un testo disinfestante. Un manualetto sui funghi velenosi.
Due sono gli obiettivi centrati. Il primo è quello di esecrare - meglio, irridere - la scorciatoia del complottismo. Il secondo è quello di fare i nomi di siti e cariatidi, queste ultime riesumate e tenute in vita soltanto dalle amorevoli attenzioni dei fascisti, come Gianfranco "Bombacci" e Costanzo "Greve", poligrafi compulsivi della genia comunitaristico-nazionapopolare, stornellatori per cui "non c'è differenza tra destra e sinistra", per capirci, le cui "narrazioni" alla sor Capanna hanno aggio nella totale assenza di analisi, in un panorama desolato di pura e sola ideologia. La loro "filosofia della storia" da esprits forts finisce con l'incantare qualcuno solo perché producono visioni geopolitiche, molto reali all'apparenza. Scorciatoie, appunto.
Le reazioni non si sono fatte attendere. E sono, molto indicativamente, di quella parte, punta sul vivo.

O., 22 luglio

1 commento

Commento from: admin [Membro] Email
Purtroppo esiste un urbanista, Gianfranco Bombacci, omonimo dell'emetico chiacchierone. Ce ne dispiace.
21/12/10 @ 13:08

Lascia un commento


Your email address will not be revealed on this site.

Il tuo URL sarà visualizzato.
PoorExcellent
(Le interruzioni di linea diventano <br />)
(Name, email & website)
(Allow users to contact you through a message form (your email will not be revealed.)
Free Blog Themes and Free Blog Templates