Analisi socio-politica dei mondiali 2010 Un verso di Lucio Dalla che commenta un anacronismo



by Versus

Analizzare un anacronismo vivente come i Mondiali di Calcio potrebbe sembrare un esercizio quasi inutile agli occhi di alcuni osservatori. Come appaiono inutili e inconcludenti incontri fra i governi a livello mondiale, infatti – come ad esempio il G-8 o il neonato G-20 - anche per quanto riguarda il calcio, il confronto fra le rappresentanze ufficiali nazionali non sembra più offrire l’occasione per fotografare degnamente lo “stato dell’arte” al massimo livello possibile.
Come a livello politico ed economico, gli incontri e gli accordi fra le banche e le grandi corporations sono ormai i veri luoghi di decisione delle scelte sociali e politiche che coinvolgono le persone, a dispetto delle conferenze governative o dei meeting ufficiali fra stati, anche nel calcio, le competizioni “dei privati”, ossia i tornei per club, sia nazionali che internazionali, hanno surclassato per importanza, sia tecnica che commerciale, la kermesse della Coppa del Mondo.
Nel terzo millennio, poi, con il mondo “liquido”, in cui le comunicazioni vanno alla velocità della luce ed in cui sono accelerati al massimo i processi di crescita (e di decrescita) di qualsiasi fenomeno, l’idea che una squadra che vince un torneo di un mese, possa fregiarsi del titolo di miglior Nazione del mondo per ben 4 anni appare francamente ingiusta, oltre che fuori dal tempo.
Il romanticismo però che evoca la Coppa del Mondo, fa sì che questo torneo possa ancora attirare l’attenzione di milioni di spettatori e, quindi, quasi ci obbliga a cercare di trovare degli spunti o dei trend per quanto riguarda le indicazioni “socio-sportive” che ci ha indicato il torneo Sudafricano.
In poche parole possiamo dire il mondiale si è rivelato come la puttana che Lucio Dalla descrive nella sua canzone “Disperato Erotico Stomp”, ossia ottimista e di sinistra , per quattro, semplici ragioni.
La prima è che, nettamente, le squadre che puntavano realmente ad un gioco collettivo hanno superato quelle che invece puntavano quasi esclusivamente sulla abilità dei singoli; la seconda è che gli allenatori che hanno avuto successo hanno promosso, sia con il loro gioco che, soprattutto, con la loro storia professionale, il messaggio per cui la competenza può essere ancora un fattore più importante del glamour e dell’apparenza; la terza è il definitivo sdoganamento dell’immigrazione come risorsa necessaria e di qualità per un popolo, a differenza di quella “a chiamata” promossa dalle leggi che i governi di centrodestra hanno promosso negli ultimi anni, la quarta; è che le squadre con media età più giovane hanno fatto molta strada in questo mondiale.



Pagine: 1 · 2 · 3 · 4 · 5 · 6 · 7 · 8

No feedback yet

Lascia un commento


Your email address will not be revealed on this site.

Il tuo URL sarà visualizzato.
PoorExcellent
(Le interruzioni di linea diventano <br />)
(Name, email & website)
(Allow users to contact you through a message form (your email will not be revealed.)
Free Blog Themes and Free Blog Templates